I “prestiti linguistici”, ovvero le parole francesi che utilizziamo senza accorgercene

Vi presento l’ottimo lavoro realizzato da alcuni allievi dell’IC S.Biagio di Ravenna con la guida della loro bravissima (chissà perché penso che sia una donna; magari mi sbaglio…) insegnante di francese qualche anno fa. L’ho trovato navigando nel web. Si tratta di graziose filastrocche in cui sono presenti proprio quei termini che tanto spesso utilizzate senza pensare che si tratta della lingua francese. Saluto gli autori e li ringrazio del “prestito”, anche se, forse, non sapranno mai di questa pubblicazione. A tutti loro vada il nostro “bravo”, alla francese. 🙂

 

PRESTITI LINGUISTICI FRANCESI

 

 

Tutti sappiamo già un po’ di francese, anche se non l’abbiamo mai studiato. Infatti in Italia si usano molte parole “prestate” dai nostri “cugini” d’oltralpe che fanno parte del lessico della gastronomia, della moda, dello spettacolo, dell’automobilismo.

Molti di questi vocaboli sono entrati perfino nel nostro dizionario e tanti li utilizziamo con un significato un po’ diverso da quello originale.

Attraverso la perlustrazione di questi “prestiti linguistici” si apprendono le prime regole di pronuncia, si scoprono cioè le correlazioni fra il “come si dice” e il “come si scrive”,  perché il francese si scrive in un modo e si pronuncia spesso in un altro, si approccia la cultura francese e si incontrano anche molte curiosità, come per esempio . . .

 

“Chauffeur” deriva dal verbo “chauffer”, cioè “riscaldare”: Compare per la prima volta nel 1680 nel significato di “colui che alimenta il fuoco”; successivamente in quello di “fochista di una macchina a vapore”, perché a vapore erano le primissime automobili. La parola prese piede e viene ancora usata per indicare il conducente di autoveicolo.

 

“Croissant”, che letteralmente significa “crescente”, è quel dolce tipico a forma di luna “crescente”. I primi “croissant” sono stati preparati a Vienna, dopo la fine dell’assedio della città, a ricordo della mezzaluna turca sconfitta. Quando Maria  Antonietta, quasi un secolo dopo, andò sposa a Luigi XVI insegnò la preparazione di questo dolce ai fornai francesi.

 

“Panne” è da collegare alla terminologia marinaresca usata nel 1500, quando le navi andavano a vela. In “ panne” indicava la manovra che doveva immobilizzare le vele durante la navigazione. Così la nave si fermava proprio come l’auto quando è in “panne”.

 

La parola “restaurant” fu utilizzata per la prima volta nel XVI secolo per indicare una zuppa molto gustosa creata da un cuoco francese. Nel 1760 questa zuppa era talmente famosa che il cuoco decise di aprire a Parigi una taverna che chiamò “Restaurant”, come la sua creazione.  

 

L’origine del nome “tailleur”risale alla fine XIX secolo e deriva dal fatto che la sua confezione si ispirava ai capi realizzati dal sarto da uomo, anziché da quello per donna. “Tailleur” era il sarto maschile e “couturier” il sarto femminile.

All’origine di “taxi” è il tassametro, dispositivo che conteggia l’importo da pagare per una corsa su un’autovettura pubblica. All’inizio del 1900 l’autovettura pubblica veniva designata come “voiture à taximètre”;  passò in breve tempo ad essere indicata come “taximètre” e con l’ulteriore contrazione  in “taxi”.

 

L’esplorazione dei “prestiti” accende sempre un interruttore linguistico, i cui lampi di fantasia creano una variegata gamma di sfumature nelle filastrocche ideate dai “Pulcini” delle classi prime e che vengono di seguito riprodotte.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                   

 

Oggi lo chef ha cucinato un’omelette                                      Ho comprato una scatola mignon

Sua moglie con un vestito di paillettes,                                    con dentro uno champignon

seduta sulla moquette,                                                              A casa ho creato un collage

con un mano una pochette                                                        per completare il mio bricolage

ha mangiato l’ omelette                                                            La sera ho organizzato un buffet,

                                                                                                   ma non avevo pan carré

                                                                                                   e ho dimenticato pure il pâté

                                                                                                   Ho incontrato però  un gourmet

                                                                                                   a cui piaceva il mio gilet

François va in una boutique

con in tasca una baguette,

compra un paio di culotte                                                        

da portare ad una vedette.

Lei ha un grande décollété                                                       Stamattina dalla moquette

e rimane sotto choc                                                                   ho preso la mia salopette

quando vede la culotte                                                              comprata in una boutique

                                                                                                   davvero molto chic

                                                                                                   Poi sul mio coupé

                                                                                                   sono uscita per comprare pan carré                                                                                                                                                                                                                                                                                    

                                                                                                   con indosso un foulard di chiffon

Mi metto un papillon                                                                 ho comprato degli champignons

e mi mangio champignons,                                                       Poi la sera con accesa l’abat-jour

poi un gran bonbon                                                                    con la mente ho fatto un bel tour

con indosso un bel blouson

 

                                                                                                  

 

                                                                                                   Con la mia cabriolet

Conosco un bébé                                                                       sono andato allo chalet                                                     

che mangia solo pan carré                                                        Ho colto molti fiori e

beve latte dal biberon,                                                              ho fatto un bel bouquet

e adora i bonbons                                                                      Poi ho preparato un buon purée

                                                                                                   che ho mangiato sul cabaret

                                                         

 

Ho visto un camion

che trasportava carillons e champignons

L’autista che usava il bonton

regalava ai bambini bonbons

                                                                      

 

Porto il papillon                                                                         Sono andato al restaurant

e conosco il bon ton                                                                   e ho mangiato dei croissants,

Guido il coupé                                                                            mentre a una signora

e posseggo un atelier                                                                  si è smagliato il collant

Gioco spesso al casino                                                                Dopo ho preso il métro

e di ragazze ne ho à gogo                                                            e sono andato al casino

Indosso un gilet color fumé                                                        Poi con un abito vintage

adoro i frappés                                                                           sono andato a un vernissage

e il vino rosé

 

                                                                  

 

A me piaccion le boutiques                                                       A colazione mangio marrons glacés,

perciò sono molto chic.                                                               a pranzo gusto un buon soufflé

Stasera vado a un défilé,                                                             e concludo la giornata con pan carré

prendo la coupé  o la cabriolet                                                  Indosso sempre giacche di chiffon

Già! La coupé è nello chalet                                                      ma odio il papillon

allora  prendo la cabriolet!                                                         Vado spesso dal coiffeur

Alla fine ci sarà un buffet                                                           dove cerco un buon affaire

con rosé e marrons glacés

e se non basta . . .un bel cabaret !

                                                                

 

Mi chiamo Daniele Samorì                                                         Alla fine di un bel défilé

e porto sempre la lingerie                                                           si organizza un gran buffet

Da bébé indossavo la salopette                                                  Camerieri con papillons

ora mangio la baguette                                                               che servono bonbons

Vado pazzo per i marrons glacés                                              Cameriere con collants

un po’ meno per la banana flambè                                             che servono croissants

Dopo aver fatto una pedalata sulla cyclette                                Altri ancora con paillettes

mi piace profumarmi con l’eau de toilette                                 che servono omelettes

Da grande vorrei guidare una coupé                                           E alla fine della soirée

ma potrei accontentarmi di una cabriolet                                   tutti a casa in coupé

Grazie alla professoressa Scaglioni

affronteremo il francese vis-à-vis

 

 

Guido il coupé, ballo il casqué

e mangio spesso crème brûlé

Abito in uno chalet

lavoro in un cabaret

Faccio spesso la manicure

ed amo la haute couture

Adoro anche i carillons

e conosco il bon ton

 

 

 

 

 

 

                                                    

 

Non perdo il bon ton                                                               Sono uno chef con il gilet

nemmeno quando mangio bonbons                                        e cucino soffici soufflés

e se vado al cabaret                                                                 Sogno clienti molto chic

non entro senza un bouquet                                                    che si vestono in boutique

                                                                                                 Servo in grandi cabarets

                                                                                                 buoni cibi da gourmet

                                                                                                 Il mio tasso è la mascotte

                                                                                                 che gira il mondo in roulotte

Ho preso la mia cabriolet e                                                     Ha le mèches e le paillettes

sono andata al défilé                                                                ed indossa salopettes

dove ho visto abiti délavé                                                        Per lui sforno dei bonbons

Ho ripreso la cabriolet                                                             che si slurpa con bon ton

e sono andata al mio chalet,                                                     Mangia grosse omelettes

mi sono messa in désabillé                                                      ma sporca sempre la moquette

e ho gustato una baguette                                                        Io lo trasformo in un frappé

farcita con omelette                                                                 e lo servo flambé

comprata alla buvette

Poi ho acceso l’abat-jour                                                              

e ho mangiato un petit four                                                    

                                                                                                 

                                                                                                 Sono una donna chic

                                                                                                 perché vivo in boutique

                                                                                                 Da vera mannequin

Sono un bébé à la page                                                           possiedo molti lapins

e ho un coupé nel garage                                                        Ho diverse pochettes

Vivo in uno chalet                                                                   con mille paillettes

e mangio cabarets di marrons glacés                                    che porto in cabriolet

Conosco il bon ton e                                                                quando compro dei frappés

mi piacciono i bonbons

Pranzo sempre al bistrot                                                         

con gâteaux e un bicchiere di bordeaux                                

poi torno a casa col métro    

                                                                                    C’era un ragazzo di Bordeaux

                                                                                                  che andava sempre al bistrot                                                                                                             

                                                                                                  Adorava i bonbons,

                                                                                                  ma odiava il bon ton

Ho una casa con moquette                                                       Gli piacevano le verdure alla julienne

e mi piace l’omelette                                                                e mangiava spesso pomodori gratin

Porto sempre un papillon                                                          Metteva mayonnaise ovunque

e dei camerieri sono il patron                                                  e invitava a cena chiunque

Tratto le donne con bon ton                                                     Adorava i marrons glacés

ed offro loro dei bonbons                                                        e non mancava mai ai buffets

 

 

 

Mi chiamo Giulia, non sono più un bébé

ora mangio croissants  e frappés

Ho una maglietta con tante paillettes,

ma l’ho sporcata tutta di omelette

Non indosso mai i miei bijoux

quando preparo il ragoût

Mangio sempre à gogo

al restaurant  o al bistrot

Mi delizio col purée

ma gusto anche un buon pâté

Mio fratello mi ha regalato una pochette

ma io avrei preferito una baguette;

allora gli ho donato un papillon

ma ha protestato, perché voleva un bonbon!

Mi piace molto vestire à la page

e curo spesso il mio maquillage.

A me piacciono troppo i gratins,

non diventerò mai una mannequin;

infatti ai défilés preferisco i marrons glacés

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                         

Ho mangiato un’ omelette                                                           E di nome son Gaston

a un tavolo vicino alla toilette,                                                    mangio molti bonbons

mentre una signora in decolletè                                                   Mi piace guidate il camion      

sorseggiava un caldo te.                                                               ed aprire il carillon

                                                                                                      Mangio sempre à gogo

                                                                                                      e al telefono rispondo allô

                                                                                                      Per vedere il défilé

                                                                                                      vado sempre in coupé

Quando mangio champignons                                                     poi mangio un bel gâteau

chiedo sempre pardon                                                                  e mi infilo nel métro

Quando indosso il papillon                                                          A casa faccio un buon pâté

sembro proprio un patron                                                            ma cade tutto sul parquet

Mi piacciono molto i bonbons

che mangio con bon ton

però se qualcuno mi invita a un buffet                                        

mi avvento subito su un cabaret

                                                                                                      Mi chiamo Charlotte

                                                                                                      e sotto il vestito porto le culottes

                                                                                                      cucino bene le omelettes                                                                

                                                                                                      ma per mio marito faccio le crêpes

Tanti anni fa in uno chalet                                                           Mi piace mangiare champignons

viveva una famiglia con un bébé                                                 anche dentro un camion

che da grande diventò patron di un casino

dove la gente andava à gogo

                                                                                                     

                                                                                                    

                                                                                                      Che buona la baguette

                                                                                                      non somiglia al pan carré

1) A me piace la baguette                                                            non è ripiena come un beignet,

    e sui vestiti le paillettes                                                            ma è soffice come un soufflé

2) La mattina a madame diciamo sempre bonjour

    la sera invece accendiamo l’abat-jour

3) Mentre guardavo un défilé

    sorseggiavo un bel frappé

 

 

Buongiorno, sono Mois e

indosso maglie à pois

Gioco sempre alla roulette

da quando abito in roulotte

Mi piace molto il purée

quando faccio la rentrée

 

Annunci

I Commenti sono disabilitati.